venerdì 29 maggio 2020

Palafitte preistoriche, domani andiamo al lago di Viverone

Lago di Viverone, Unesco
Palafitte preistoriche lago di Viverone

Dopo un periodo insolito come la quarantena che abbiamo abbiamo vissuto può essere complicato decidere di uscire di casa, servono spunti e luoghi in cui recarsi senza contravvenire alle regole per la tutela della salute pubblica, io ho una nuova proposta che si adatta a queste esigenze.

Domani andiamo a ... scoprire le palafitte preistoriche al lago di Viverone. 


Palafitte preistoriche in Italia e in Europa 



Il lago di Viverone si trova in Piemonte tra le province di Biella e Torino, è un lago piccolo di origine glaciale e fa parte dell'anfiteatro morenico eporediese. 

Ha un perimetro di circa 13 km non completamente percorribile, le sponde settentrionale e occidentale sono più urbanizzate e frequantate, ci sono stabilimenti balneari, camminate lungolago, impianti turistici e sportivi, la restante parte è più selvaggia. 

La mia proposta di oggi riguarda una parte della sponda meno frequentata in cui sono stati rinvenuti i resti di un villaggio preistrotico divenuti parte dei  Siti palafitticoli preistorici delle Alpi dell'Unesco. Il sito unesco è diffuso in tutta Europa e racchiude tutti i luoghi in cui sono stati ritrovati resti di villaggi  e assembramenti che hanno consensito la ricostruzione delle prime società agricole. 

I reperti rinvenuti nel lago di Viverone sono conservati ed esposti presso il Museo Archeologico di Torino e il Museo del Territorio di Biella.


Palfitte preistoriche Piemonte
Approdo palafitticolo, come arrivare


Alla scoperta delle palafitte a piedi o in bicicletta 


Azeglio, approdo palafitticolo
a piedi o in bicicletta nel bosco 

Un buon modo per esplorare questa parte del lago è una gita in bicicletta, il percorso quasi del tutto pianeggiante e su strade chiuse al traffico lo rende ottimo anche per i bambini, in altrenativa si può optare per una camminata tranquilla e senza particolari difficoltà. A seconda del tempo che si ha a disposizione si può scegliere di arrivare all'approdo palafitticolo, all'osservatorio faunistico oppure optare per entrambe le opzioni. 

Si parte dal comune di Azeglio dove percorrendo via Roma si incrocia via Boscarina, se l'dea è quella di  proseguire in bicicletta è possibile lasciare l'auto nel piazzale in corrispondenza dell'incrocio, altrimenti si può procedere ancora un pò con l'auto, ma più avanti non sempre è possibile posteggiare. Lungo il percorso sono presenti le indicazioni per l'approdo palafitticolo e per l'osservatorio faunistico. 

L'approdo palafitticolo è una suggestiva ricostruzione delle palafitte ispirata a quanto appreso dai ritrovamneti di 5000 pali conficcati nelle acque poco profonde del lago, il luogo è suggestivo e anchei meno esperti possono sperare di scattare delle belle forografie, le mie sono l'esempio lampante di quanto un luogo aiuti un fotografo scarso.

L'osservatorio faunistico lo si raggiunge attraverso un percorso simile, in mezzo al bosco, lungo il sentiero sono presenti anche panchine e tavoli in gazebo di legno comodi per  sgranocchiare qualcosa e come punto di riposo ed osservazione. Una volta raggiunta la riva del lago si troverà una torretta di avvistamento in legno che consente di guardare il lago, i suoi abitanti, il panorama da un punto di osservazione differente dalla solita riva.

Osservatorio faunistico lago di Viverone
osservatorio faunistico lago di Viverone

Si tratta sicuramente di un escursione semplice, senza pretese, ma il luogo è l'ideale per trascorrere del tempo all'aperto ed in semplicità . 


Informazioni Pratiche 


Se si decide di fare un pic nic occore organizzarsi portando il necessario, durtante la nostra passeggiata non abbiamo individuato locali o luoghi in cui potersi procurare del cibo, solo un bar in piazza ad Azeglio.


Nelle vicinanze altre  passeggiate interessanti potrebbero essere quella per raggiungere il Ciucarun , un campanile senza chiesa in mezzo ad un prato e l'anello del lago Pistono che conduce alle terre ballerine, un tappeto elastico naturale, saltando nei giusti posti si possono vedere gli alberi danzare. Sempre a poca distanza si trovano il Castello di Masino e il Castello ducale di Agliè in cui è stata ambientato sceneggiato televisio Elisa di Rivombrosa.

Un suggerimento goloso da non perdere: agrigelato all'agriturismo La schiavenza di Piverone, lo si nota da lontano per il grande scivolo dedicato al divertimento dei più piccoli. Ottimo posto anche per pranzi e cene, per noi tappa fissa quando passiamo in zona resta il loro gelato. 


Per i camperisti 

 

Lungo le sponde del lago sono presenti diversi campeggi, ma io personalmente trovo carina l'area di sosta Acqua del Lago, si trova in località Masseria in una zona tranquilla ed è sempre ben curata. 











GUARDA ANCHE