lunedì 27 novembre 2017

Foglie d'autunno, andiamo in Burcina

Parco BurcinaPer godere fino all'ultimo  gli incantevoli colori d'autunno abbiamo scelto il parco Burcina. 
Si tratta di un'intera collina voluta e realizzata dalla famiglia Piacenza, proprietari della nota industria laniera con sede ai piedi dal parco, ricca di specie arboree, luogo ideale per trascorrere momenti di relax nell'incontro della natura, per camminare, correre, pedalare, rilassarsi, godere del panorama sulla Serra Morenica, sulle Prealpi Biellesi o a perdita d'occhio sulla pianura. www.atl.biella.it/parco-burcinawww.parks.it/parco.burcina
sequoieLa passeggiata può essere anche una buona occasione per conoscere le piante è i fiori che si incontrano, alcuni tipici di questa zona, come i castagni, altri dalle provenienze più disparate come le palme e le sequoie, sotto moltissimi di essi c'è il cartellino che indica nome e luogo di provenienza.
I bambini si divertono moltissimo in un posto così, ci sono le fronde che formano misteriose caverne da esplorare, rami che si protendono fino a terra e si offrono come altalene, piante dalle forme insolite o dalle strane radici e soprattutto non ci sono automobili e si può giocare liberamente. 
Si incontrano anche molti cani che approfittano di questo luogo per passeggiate con i padroni.
foliageNon è necessario attendere l'autunno per godere di tanta bellezza, ogni stagione dell'anno ha qualche meraviglia da offrire, come la fioritura dei rododendri,  a maggio lo si vede da lontano arrivando a Biella quell'angolo multicolore ai piedi del Mucrone.
In questa cornice si può anche venire per una gita culinaria, all'interno del parco infatti c'è anche un ristorante trattoria Burcina, il che rende questo luogo adatto a tutti i gusti.
L'ingresso al parco è libero, non servono biglietti, ci sono tuttavia gli orari di apertura dei cancelli. 
Seguendo le indicazioni stradali si raggiunge il parcheggio che porta all'ingresso principale, anche se ci sono altri accessi meno noti. 
conca dei rododendriIl parcheggio è a pagamento. 
Il parco si trovava a Pollone in Provincia di Biella, paese noto anche per aver dato i natale al beato Piergiorgio Frassati, nelle vicinanze si trovano anche il Santuario di Oropa e in questo periodo dell'anno il rinomato il mercatino degli angeli
Per gli appassionati, vicino all'ingresso principale del parco c'è un'area camper attrezzata mentre per tutti gli altri una soluzione interessante per soggiornare in zona  potrebbe essere offerta da Villaggi Valle Elvo, oltre ai numerosi Bed & breakfast che si trovano in zona. Che dire, buona sgambettata.







3 commenti:

  1. Bellissimo posto! Io ero stata tantissimi anni fa e ricordo l’albero dei fazzoletti, chissà se c’è ancora?!

    RispondiElimina
  2. Un posto fantastico per godere a pieno dei colori dell'autunno e per staccare completamente dalla realtà quotidiana.

    RispondiElimina
  3. l'albero dei fazzoletti non lo ricordo, ma siccome non è lontano da casa, la prima volta che andrò lo cercherò...magari aggiorno con qualche fotografia primaverile.

    RispondiElimina

andiamo a... scoprire Il Trabucco

Cosa sono e dove sono i trabucchi. Siccome oggi piove e non ho voglia di stare qui immersa nel grigiore di questa giornata, ho deci...

post più popolari