domenica 6 ottobre 2019

andiamo a ... Maratea

Vacanze al mare in Basilicata

Il Redentore immerso nel tramonto
Maratea al Tramonto 

La meta delle nostre ultime vacanze è stata la Basilicata, la regiorne è piccola, ma ha ben due affacci sul mare.
La costa jonica, circa 40 km estensione di sabbie medio fini in costa al livello del mare e la costa tirrenica, circa 30 km di estensione, di piccole insenature ai piedi di promontori che creano prodgiosi salti sul mare.
Come dicono i miei figli "noi andiamo sempre al mare in montagna" quindi abbiamo scelto Maratea come destinazione, la perla del golfo di Policastro, che affaccia sul mar Tirreno.

Biella e Maratea 


Il centro di Maratea
Il centro storico di Maratea
Maratea nella mia famiglia di origine è stata oggetto di grandi discussioni e di curiosità, entrambe i mie nonni materni lavoravano come operai alle dipendenze del Lanificio F.lli Rivetti di Biella, negli anni '50 è stato proposto loro di trasferirsi a Maratea dove la ditta avrebbe aperto un nuovo stabilimento.
Mia nonna intraprendente e battagliera avrebbe anche accettato la proposta, mio nonno timoroso e legato al suo territorio, o come diceva lui al "suo" campanile, non ha ceduto alle lusinge.
Per ironia della sorte il campanile a cui mio nonno non ha mai saputo rinunciare è quello di una chiesa dedicata a San Biagio lo stesso Santo è il patrono di Maratea e a lui è intitolata la chiesa posta sull'omonimo monte, che ospita inoltre la statua di Cristo Redentore, vuluta dall'ing Rivetti di Valcervo e simbolo di Maratea. Ma andiamo con calma.

Cosa vedere a Maratea

dal Redentore verso la Calabria
La costa di Maratea, dal Redentore

Le spiagge sono tendenzialmente piccole e non sempre agevoli da raggiungere, ma a loro dedicherei una paginetta esclusiva, se la meritano tutta.
Quindi direi che le spiagge sono assolumente da vedere, vivere e frequentare.

i colori delle case a Maratea
Centro storico di Maratea
La costa tirrenica della balisicata è alta, scoscesa con boschi a picco sul mare, quindi i panorami sono sicuramente una delle bellezze da vedere, ammirare e fotografare in mille diverse angolazioni e momenti, precorrere  la  Strada statale 18 è una gioia per gli occhi e per il cuore.
Ci è piaciuta molto la Basilicata che abbiamo avuto modo di conoscere, ci ha solo lasciati un po' perplessi la presenza di rifiuti ai bordi delle strade, segno della forte maleducazione di qualcuno, un vero peccato vista la bellezza dei luoghi.


Maratea con lo sgurado verso il mare
Centro storico di Maratea
Il centro storico di Maratea merita una visita, non si tratta della tipica città di mare che corre lungo la linea della costa, è un borgo incastonato tra le pendici di quei rilievi che si gettano in mare.
Il borgo si raggiunge deviando dalla S.S. 18, ha stradine strette su cui affacciano case colorate ordinnate, ha scalinate e percorsi pedonali che si aprono all'improvviso sul mare regalando panorami mozzafiato.
Noi lo abbiamo visitato l'ultima sera di vacanza, all'ora del tramonto e non avremmo potuto scegliere momento migliore.
chiesa dell'Annunziata a Maratea
Chiesa dell'Annunziata 
Le stradine sono animate da locali e negozi è piacevole trassorrervi del tempo, addentrandosi  nel cuore del centro storico si incontra la Chiesa dell'Annunziata nota per la tela raffigurante Santa Lucia custodita al suo interno, a me invece ha colpito l'insolito blu del pavimento in ceramica, che spicca sulla soglia e viene poi  ripreso nella parte floreale, soprendentemente unico e gradevole.
Santa Maggiore, la cattedrale di Maratea
Chiesa di Santa Maria Maggiore
Salendo lungo scalette e stradine siamo passati accanto a Palazzo De Lieto sede del museo di archeologia marina fino a raggiunge poi la Chiesa di Santa Maria Maggiore, nella quale non siamo riusciti ad entrare, ma dalla grata abbiamo comunque potuto sbirciarne l'interno.
Il sagrato della Chiesa è anche l'arrivo del percorso del cammino al monte San Biagio, un'idea per gli amanti del tekking o per i devoti al Santo.

Cristo Redentore


l'imponente abbraccio del Redentore
ai piedi del Redentore
La statua del Cristo Redentore , con i suoi 21 metri di altezza, il suo colore bianco, le grandi braccia aperte è divenuta il simbolo della città di Maratea.
Eretta sul monte San Biagio, dove in precednza era presente una grande croce in ferro battutto che subiva spesso danneggiamenti durante i temporali, per volere dell' Ing Stefano Rivetti di Valcervo e realizzata in cemento e scalgie di marmo dall'artista Bruno Innocenti, volge le spalle al mare e apre le braccia richiamando la preghiera del Padre Nostro.
E' sicuramente alta, imponente, ma il volto di Gesù appare sereno e positivo così come la posizione delle sue braccia che sembrano pronte per un abbraccio.
le luci del golfo di Policastro
alle spalle del Redentore
Il luogo in cui è posizionata la statua è davvero spettacolare 644 mt s.l.m. doomina il golfo di Policastro ed offre un panorama unico.
Anche la strada per raggiungere la cima del monte è impressionante, nel senso che fa impressione percorrerla, con quei tornanti sorretti da una catena di pilastri a sbalzo sulle montagne brulle, sembra quasi una pista da luna park.

Basilica di San Biagio 

Di fronte alla statua del Redentore si erge la Basilica di San Biagio che si pensa sia stata realizzata, in base a dei ritrovamenti effettuati, sopra i resti di un tempio pagano dedicato a Minerva.
Dal redentore verso San Biagio
Basilica di San Biagio
All'interno della basilica sono conservate alcune parti delle reliquie del santo  armeno, invocato per la guarigione dei mali legati alla gola, perchè di lui si dice abbia salvato un ragazzo da una lisca di pesce conficcata nella trachea.
Nel 723 le reliquie del Santo in viaggio da Sebaste (in Armenia) verso Roma si sarebbero fermate a Maratea nel corso di una tempesta, la leggenda narra che siano state rinvenute sulla spiaggia.
Solitamente il Santo viene festeggiato al 3 di Febbraio, ma Maratea oltre a questa data gli dedica festeggiamenti per tutta la prima settimana di Maggio, ricorrenza del ritrovamento delle spoglie, la statua viene portata in processione fino al paese.

Informazioni pratiche


tramonto sul golfo di Policastro
Golfo di Policastro
Noi abbiamo alloggiato presso il Camping Village Maratea situato in località Castrocucco, al confine con la Calabria.
Nella struttura siono disponibili Mobile Home e caravan in affitto, oltre alle piazzole di stallo per chi viaggia con mezzi propri,  un luogo semplice in cui ci siamo trovati bene.
In zona Castrocucco, poco lontano dal campeggio è presente un'area di sosta camper.

Il redentore veglia sul porto
Il Redentore domina il porto
Per raggiungere il Monte San Biagio si può salire in auto, ma in alcuni periodi dell'anno non è possibile spingersi fino al parcheggio antistante alla Basilica, per la parte finale del percorso è possibile usufrire (al costo di 1€ a persona) del servizio bus navetta.
E' presente un parcheggio per le auto al costo 5 € la prima ora e 3 € per le ore successive (a mio avviso un po' eccessiva come cifra).
Da quel che abbiamo visto potrebbe esserci autobus che parte dal paese, ma non siamo riusciti a capire di più. info Monte S. Biagio
Orario S. Messe San Biagio

l'imponente statua del Redentore
Cristo Redentore, Maratea
L'accesso alla statua del Redentore è possibile ogni giorno 24 ore su 24 senza bisogno di alcun biglietto, una volta arrivati sulla vetta del monte San Biagio la si raggiunge tramite un sentiero in buono stato di manutenzione, ma con ampi gradini.









8 commenti:

  1. La statua del Cristo Redentore lascia sicuramente a bocca aperta. Maratea non e' molto lontana d ame e spero di andarci abbastanza presto nonostante possa fare ferie solo in inverno. Comunque la storia di tuo nonno troppo simpatica, soprattutto per l'ironia della sorte!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La statua è imponente, il paesaggio è mozzafiato e se mio nonno avesse cambiato campanile, mantenendo il santo, io ora sarei potuta essere nipote di emigranti contro corrente. 😂

      Elimina
  2. È una regione in cui non sono mai stata, ma indubbiamente mi interessa visitarla in futuro. La statua del Cristo Redentore deve essere particolarmente d'impatto!

    RispondiElimina
  3. Si è imponente e collocata in un posto davvero panoramico... Anche la strada per raggiungerla è d'impatto. 😨

    RispondiElimina
  4. Non mi ricordavo più che il Cristo Redentore fosse a Maratea... e ci sono pure stata! Quante cose si riscoprono leggendo i blog! Ho ricordi bellissimi di Maratea, avevo 14 anni :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Beh i ricordi dei 14 anni sono belli se poi hanno Maratea come sfondo...

      Elimina
  5. La Basilicata mi manca tra le regioni del Sud da visitare e devo ammettere che non avevo mai sentito parlare di Maratea e ti ringrazio per avermela fatta conoscere. Almeno so che la devo assolutamente aggiungere ad un possibile itinerario!

    RispondiElimina
  6. La Basilicata è una regione insolita per il sud, molto montuosa, andando verso Matera abbiamo attraversato dei paesaggi incredibili e poi c'è il mare... Aggiungila, sarà una bella scoperta.

    RispondiElimina

andiamo a ...al Lago d'Orta

Il Lago visto dal Santuario della madonna del Sasso Sfogliando alcune vecchie fotografie mi sono accorta di quante ne abbia con il...

post più popolari