sabato 22 febbraio 2020

Spiaggia dell'Arco Magno, domani andiamo a ...

San Nicola Arcella
il mare calabrese
Durante le nostre vacanze estive non amiamo frequentare per tutto il periodo un' unica spiaggia, nemmeno se è molto bella, accogliente e soddisfa i nostri desideri, ci piace sempre esplorare i dintorni e scoprire luoghi differenti spostandosi magari anche solo di poco.
Questo modo di fare è talmente radicato in noi e negli amici con cui trascorriamo molte vacanze che, ora che sono cresciuti, i nostri figli cercano autonomamente le spiagge in cui fare il bagno, così ci ritroviamo con lunghe liste di desideri da esaudire, chi cerca gli scoglio per i tuffi, chi la sabbia per costruire, chi gli sfondi per le fotografie da pubblicare.
Le vacanze del 2019 le abbiamo trascorse in Basilacata, ho già partlato di MarateaMatera e delle belle giornate trascorse in questa regione e nella vicina Calabria, una di queste giornate ci ha portiati alla spiaggia dell' Arcomagno.
al mare in Calabria
la spiaggia dell'Arcomagno
Si tratta di una spiaggetta  protetta da un arco in pietra, in passato era una grotta la cui volta è crollata lasciando entrare il cielo. La spiaggia è molto piccola, ma famosa e fotografatissima specialemnte al tramonto nell'arco di tempo in cui il sole calandosi dentro al mare attraversa l'arco ed entra nella grotta.
Questo spettacolo non abbiamo avuto l'opportunità di ammirarlo, ma tutto il resto si.
A nord qi questa particolare caletta si trova un piccolo accesso al mare e prima ancora una grande spiaggia, quella che per noi è stata la base della prima giornata trascorsa qui.
Oltre al tramonto, alla limpedezza dell'acqua, all'insolita conformazione, di spettacolare c'è una passeggiata a picco sul mare che è davvero favolsa, si sale di diversi metri in mezzo alla tipica vegetazione delle coste mediterranee e da lassù si ammirano i colori del mare e degli sorci davvero suggestivi.
mare blu e verde
dal sentiero panoramico
La spiaggia dell'Arcomagno non è un luogo in cui trascorrere una gioranta di mare, è piccola, con tanta ombra e molto frequentata da persone che la raggiungono via terra e via mare, anche se non è possibile attraccare direttamente con imbarcazioni a motore, molti ormeggiano a largo e poi si avvicinano a nuoto o con natanti di varia natura.

Come raggiungere la spiaggia dell'Arcomagno.

scorci di Arcomagno
fare il bagno sotto l'arcomagno
Partiamo dal principio, la spiaggia dell'Arcomagno si trova nel nord della Calabria, poco dopo il confine con la Basilicata, in comune di San Nicola Arcella.
Lasciata la spianata di Praia a Mare la costa si alza e tra le coste rocce c'è lei, un piccolo gioellino regalo di madre natura.
Dopo aver visto immagini molto belle relative a questa spiaggia, abbiamo deciso di dedicarle una giornata, ma le informazioni che abbiamo trovato non erano molto esaustive, così ci siamo lasciati guidare alla meta dal navigatore satellitare che ci ha condotti al Lido i gabbiani, qui abbiamo trovato un parcheggio a pagamento  e ci sono state proposte due opzioni: un lungo percorso da fare a piedi, del quale si vedeva esclusivamente la scalinata iniziale oppure un passaggio in barca.
lato sud Arcomagno
la scalinata dalla spiaggia di San Nicola Arcella
Essendo carichi, pronti ad affrontare in completa autonomia una gioranta di mare ed ignorando lunghezza e percorribilità del sentiero, abbiamo scelto la barca.
Si è rivelato un bel giro di 3 minuti, ma assolutamente evitabile, il ritorno infatti lo abbiamo fatto a piedi, scalinata all'inizio, scalinata alla fine parte intermedia pianeggiante, durata totale di 10 minuti con pausa fotografie.
Se non ci sono particolari difficoltà direi che la scelta migliore è la passeggiata.
Altra opzione è quella di dirigersi alla spiaggia di San Nicola Arcella, superando la spiaggia dell'Arcomagno, anche qui ci sono diversi bagni con relativo parcheggio, ma è possibile anche solo posteggiare l'auto, i posti non sono moltissimi quindi nei periodi di altissima stagione occorre arrivare presto.
A nord dell'insenatura si trova una scalinata che conduce al sentiero per raggiungere l'agognata meta. Da qui il percorso è un po' più lungo ed impegnativo, affrontarlo carichi di attrezzatura e cibo potrebbe essere uin po' meno gradevole. 

La nostra gioranta alla spiaggia dell' Arcomagno 


appena prima dell'Arcomagno
la caletta a nord dell'Arcomagno
Come dicevo noi abbiamo lasciato l'auto in corrispondenza dell'accesso a nord, ci siamo imbarcati e una volta approdati abbiamo optato per la spiaggia libera, in realtà è possibile anche usufruire della spiaggia etrezzata, ci sono infatti ombrelloni, lettini, una piccola piscina ed un suggestivo ristorante all'interno di una grotta.
Dopo aver allestito il campo base, fatto il bagno e pranzato ci siamo mossi alla ricerca del celeberrrimo Arcomagno.
Durante la mattianata i racconti epici dei nostri vicini di ombrellone ci hanno fatto temere di dover compiere un impresa ardua, ma non è stato così.
Camminando in direzione sud, occorre superare un breve cunicolo scavato nella roccia, si passa uno alla vota e nei punti più bassi l'altezza sarò circa 1.80 m, per giungere alla prima insenatura, dopo di che si prosegue lungo il sentiero che sale fino a superare la costa della montagna a questo punto scendendo si raggiunge la spiaggia dell'Arcomagno in tutto il suo affollatissimo splendore. 
i colori della natura
cielo, mare e vegetazione
Una volta qui abbiamo deciso di scendere al livello del mare, i ragazzi hanno fatto il bagno, l'acqua è limpida, ci sono moltissimi pesci, ma la vera meraviglia l'abbiamo scoperta quando abbiamo deciso di proseguire il sentiero il sentiero panoramico che attraversa la sommità dell'arco (il centro è segnato dalla bandiera bianca e azzurra). 
Un tripudio di verde azzurro, blu in contrasto con la terra rossiccia, gli strapiombi sul mare, un panorama mozzafiato, è stata davvero una passeggiata indimenticabile.
Volendo è possibile percorrerlo interamente questo sentiero, corre al di sotto della strada litoranea, unisce la spiaggia Fiuzzi a quella di San Nicola Arcella.

Chi può andare alla spiaggai dell'Arcomagno

Accessibilità e indicazioni

il sentiero dall'alto
percorrendo la strada litoranea
A seconda di come si decide di raggiungere la località si possono incontrare delle limitazioni, il sentiero percorribile a piedi ha alcuni  tratti un pò impervi, molti scalini da fare e dei dislivelli da coprire che lo rendono inadatto a chi ha problemi a camminare, per tutti gli altri  vale assolutamente la pena percorrerlo interamente.
Arrivarre via mare con mezzi propri o con le varie gite che coprono questo tratto di costa lo rende accessibile ai più, anche se le imbarcazioni non possono superare l'arco che si vedrà quindi esclusivamente dal mare verso l'entroterra a meno di proseguire a nuoto o con mezzi privi dimotore.
vista panoramica
l'Arcomagno dall'alto
Da entrambe le spiagge è possibile noleggiare pedalò o canoe, un idea per chi non se la sente di farlo a nuoto.
Via mare dalla spiaggia a Nord non è molto lunga, da quella sud è sicuramente più impegnativo, in ogni caso occorre essere abili nuotatori.
dalla Calavbria verso la Basilicata
la spiaggia di Fiuzzi


Dettagli pratici.  

Per lasciare l'auto in sosta al parcheggio di Lido dei Gabbiani, nel mese di settembre, la tariffa richiesta ammontava a 5 € per l'intera giornata, possibile che il prezzo scenda optando per ombrellone e lettino.
La traversata in barca ci è costata 1 € a persona a tratta, prezzo popolare, ma il viaggio è davvero breve.
L'accesso al sentiero ha delle limitazioni orarie, ci sono i cartelli affissi ai cancelli di accesso.
San Nicola Arcella
Le barche che portano all'Arcomagno
Che altro dire, anche la spiaggia dell'Arcomagno ci ha regalato una bella giornata di ricordi.













Nessun commento:

Posta un commento

GUARDA ANCHE