Saturnia, domani andiamo a ... fare i bagni termali

Questa estate 2021 è stata un'estate all'insegna dei bagni termali, dopo le esperienze di Ischia a giugno, anche durante le vacanze di settembre ci siamo regalati il lusso di un bagno caldo offerto da madre natura, questa volta in  Maremma a Saturnia. 

Saturnia
Le cascate del mulino dal belvedere
Cascate del mulino Saturnia

Le cascate del mulino di Saturnia sono molto famose e molto frequentate, belle da vedere ed estremamente piacevoli se ci si immerge. L'acqua sgorga dalla sorgente ad una temperatura di 37,5 gradi centigradi, temperatura che la rende indubbiamente confortevole, ma è la composizione minerale molto ricca di zolfo, anidride carbonica, ioni di solfato, bicarbonato, calcio e magnesio a garantire effetti benefici. La composizione chimica di quest'acqua agisce in modo positivo sull'apparato cardo-circolatorio, su quello respiratorio, ha una forte azione antiossidante e depurante, anche la pelle gode di molteplici benefici dopo un bagno termale, viene purificata, esfoliata e detersa. Un effetto che non viene mai citato è il piacere di trascorrere del tempo facendo un bagno caldo, un vero e proprio lusso per di più se fatto in mezzo alla natura.

cascate del mulino
Le vasche naturali

Le cascate del mulino sono una serie di vasche naturali formatesi ai piedi del getto d'acqua che esce dalle profondità della terra, sono libere e aperte a tutti in forma gratuita. Grazie alla grande quantità di acqua che scende dalla cascata le vasche sottostanti hanno un ricambio completo di acqua ogni quattro ore.  Accanto alle terme libere esiste poi un vero e proprio stabilimento termale in cui le proprietà di questo dono di madre natura vengono inserite in veri e propri trattamenti. 

Saturnia e le sue leggende

L'acqua calda che sgorga dalla terra porta inevitabilmente con se delle leggende che spiegano l'insolito fenomeno. Una narra che Saturno venne scaraventato dal cielo dal proprio figlio Giove, desideroso di impossessarsi del potere del padre. La caduta provocò un grande cratere, che accolse il vecchio Dio e dal quale in seguito iniziò a sgorgare l'acqua termale, quel cratere prese il nome di Saturnia. 

Un'altra leggenda imputa invece la formazione del cratere ad un fulmine lanciato sulla terra sa Saturno stanco di vedere gli esseri umani in lite. I vapori caldi formati dall'acqua calda che iniziò a zampillare fuori dal cratere creato dal fulmine crearono un'atmosfera capace di rinnovare l'animo degli uomini.

 

aurinia o saturnia
Le leggenda sulla nascita delle acque termali

Romani e gli Etruschi prima erano utilizzatori delle vasche termali, nel medioevo invece si credeva che quel luogo da cui sgorgava acqua calda e maleodorante fosse la porta dell'inferno e che fosse molto pericoloso avvicinarsi. 

Cosa fare alle cascate del mulino di Saturnia

Anche se abbiamo scelto un anonimo martedì di inizio settembre, al nostro arrivo ci siamo scontrati con la sconfortante verità, le vasche erano super affollate. Consapevoli che trovare un posticino per 9 persone era un'impresa ardua, dopo esserci goduti lo spettacolo della cascata e delle vasche naturali che tracimano una sull'altra, ci siamo arresi all'evidenza, ma non ci siamo persi d'animo seguendo il corso de torrente, anzi ci abbiamo proprio camminato dentro, abbiamo individuato un'ansa libera tutta per noi. E' stato sufficiente perlustrare un po' il rio per fare in modo che ciascuno di noi trovasse un posticino comodo in cui rilassarsi e godere degli effetti benefici dell'acqua di Saturnia. 


Il bagno termale del "gruppo vacanze Piemonte"

Io che soffro di cervicale ho trovato una cascatella e mi sono posizionata in modo che la forza dell'acqua mi massaggiasse. le ragazze hanno individuato un blocco di argilla con cui si sono fatte una maschera al viso, i ragazzi si sono dati alle costruzioni spostando le rocche mosse dalla corrente creando uno scivolo, insomma ciascuno ha trovato un modo per vivere bene il tempo a nostra disposizione. Trascorse un paio di ore abbiamo lasciato la nostra postazione, ma essendo ora di pranzo ai piedi della cascata c'era qualche posticino che ci ha consentito di immergerci per qualche minuto anche qui. 
terme gratuite
Conquistato un posticino ai piedi della cascata

Ci sono alcune cose da tenere in considerazione se si va a Saturnia, l'odore di zolfo resterà sulla pelle e sui vestiti, si scoloriscono i capelli e l'argento cambia temporaneamente colore, il consiglio e di non indossare costumi nuovi e oggetti preziosi.

Informazioni pratiche 

Le cascate del mulino si trovano in comune di Manciano in provincia di Grosseto. Se si raggiunge Saturnia in auto è possibile usufruire dell'ampio parcheggio a pagamento poco distante dalle cascate, è segnalato e ben visibile, impossibile sbagliare. Per i camperisti è presente un'area di sosta L'alveare del Pinzi aperta tutto l'anno e convenzionata con il parco termale Terme di Saturnia.

Da giugno a settembre è possibile accedere al Molino del bagno una struttura a ridosso delle cascate in cui sono disponibili sdraio e ombrellone.

A ridosso della cascata è presente un bar e un distributore automatico di pizza, ci ha molto incuriosito ma non abbiamo ceduto alla tentazione. 

pizza express a saturnia
Distributore automatico di pizza a Saturnia

Per avere una foto dall'alto delle cascate occorre procedere in direzione Montemerano lungo la Strada Provinciale 10, in una curva sono presenti tavoli e sedie da picnic, quello è il punto da cui godere della vista sulle terme, su google maps è indicato come belvedere.





Commenti