Alta via per Chamois, Domani andiamo a ... pedalare in montagna

Le nostre ultime vacanze si sono svolte in Valle d'Aosta, eravamo alla ricerca di percorsi da affrontare in  e-bike e le come previsto le attese non sono state deluse anzi, abbiamo percorso vie affascinanti e goduto di panorami suggestivi. Avendo preso casa a Torgnon ci siamo mossi lungo la valle del Cervino dedicando una giornata alla riscoperta di Chamois  che unitamente a Ceresole Reale è una Perla delle Alpi, conosciuto anche come il paese senza auto, infatti lo si raggiungibile a piedi o con la funivia. 

Chamois dall'alto
Arrivando a Chamois, Perla delle Alpi, dall'alta via.
 A Chamois c'eravamo stati nel giorno di ferragosto del 2016, quando con un improvviso raptus di coraggio ho esternato la mia disponibilità a salire sulla ripidissima funivia che collega il paese al fondovalle, ne ho anche parlato in uno dei primi post su questo blog Chamois paese in quota, questa volta però ci siamo arrivati facendo il giro lungo ovvero percorrendo l'Alta via di Chamois.

Alta via per Chamois

Per raggiungere Chamois in bicicletta si parte da La Magdleine, superato il centro del paese occorre proseguire fino alle indicazioni del parcheggio per Chamois da cui si diramano due sentieri, uno di 4,5 km senza particolari difficoltà e l'alta via che raggiunge quota 2300 m slm e passa anche dalla Big bench n. 125. Prima di decidere se affrontare o meno questa avventura ci siamo documentati, non abbiamo inventato noi questo percorso, lo abbiamo trovato segnalato su diversi siti e applicazioni tra cui Bikesquare e Komoot (la prima consente di prenotare le biciclette e le escursioni guidate, la seconda fornisce le indicazioni e le mappe con i percorsi). Le descrizioni consigliano questo sentiero a ciclisti esperti, trattandosi di percorso di media difficoltà e  noi, pensando che la problematica maggiore fosse data dai dislivelli da superare ed essendo muniti di motore, ci siamo lanciati nell'impresa, scoprendo così che alcuni tratti di salita sono impegnativi, ma il vero ostacolo da superare è il manto sconnesso.

Col Pilaz in e bike
Alta via di Chamois, uno dei tratti migliori di sentiero

 Affrontare i tratti ripidi con molte pietre di dimensioni diverse richiede un buon equilibrio, un po' di incoscienza (che in me scarseggia) e quel filo di coraggio necessario a non fermarsi perchè ripartire in quelle condizioni è ostico. Nemmeno a dirlo ho spinto la bici in diversi punti, perchè la ruota posteriore slittava, perchè mi fermavo e non riuscivo a ripartire, perchè avevo paura di cadere. Prima di raggiungere il punto più alto del sentiero però ho imparato un notevole numero di trucchetti aggiungendo una tacchetta al mio livello di abilità, cosa che mi rende molto orgogliosa. 

Chamois in e bike

Come dicevamo il sentiero per Chamois inizia dal parcheggio, una strada asfaltata che sale tortuosa fino a diventare sterrata. Seguendo la traccia si passa davanti alla panchina gigante rossa e proprio da qui in poi iniziano i tratti maggiormente impegnativi. Il trucco è quello di passare sui lati esterni del sentiero che sono meno accidentati, non fermarsi in salita e procedere con una velocità costante. Il sentiero attraversa tratti di bosco, guada piccoli rii di montagna, sale e scende. Le indicazioni da seguire sono quelle per i laghi di Col Pilaz  e successivamente per i laghi di Champlong e di Charey, la sensazione è quella di non arrivare mai, si sale, si sale e si sale fino a quota 2340 m slm, la discesa inizia in corrispondenza di un sorta di varco tra le pietre di gesso bianco. Da qui la vista è spettacolare e i panorami ripagano l'impegno e le fatiche.

Champlong in e bike
Si inizia a scendere verso il Lago di Lod

A questo punto il sentiero risulta meno sconnesso si inizia a scendere attraversando pascoli e una pineta. Arrivati in corrispondenza di un grande alpeggio la strada prosegue in piano fino al lago di Lod. Noi abbiamo fatto pausa pranzo, con i panini che ci eravamo portati da casa all'alpeggio Fouressus con l'intento di fermarci al lago per un rinforzino, dopo tutta quella salita era più che meritato, ma i locali al lago erano ancora occupati nel servire i pranzi e ci hanno chiesto di attendere una mezz'oretta.

Lago di Champlong chamois
Il lago di Champlong

 L'impazienza e la fame ci hanno spinti a proseguire la discesa fino al centro del paese, se non siete paurosi come la sottoscritta ci vorranno pochi minuti. Per il rientro a La Magdleine non è necessario  ripercorrere tutto il tragitto dell'andata, lasciandosi il municipio sulla destra si raggiunge il sentiero di 4,5 km che conduce a La Magdleine. 

Informazioni pratiche 

Per arrivare a Chamois passando dall'Alta via ci abbiamo impiegato circa 2 ore e 30 minuti, occorre tenerne conto nella programmazione della gita. La partenza è a quota 1590, la distanza circa 20 km e la quota massima raggiunta è 2340 m slm. Con una e-bike non serve allenamento specifico, ma se la bicicletta è muscolare occorre un buon grado di preparazione oltre alla destrezza per il terreno impervio. Qui lascio la traccia del percorso Alta via Chamois gpx

Per chi arriva in auto è possibile parcheggiare negli appositi spazi segnalati come parcheggio per Chamois, al costo di 5 € per l'intera giornata, noi abbiamo posteggiato poco prima della chiesa in corrispondenza di un parcheggio sotterraneo. Per chi ne avesse bisogno, nello spazio verde vicino all'Hotel Tantanè, in corrispondenza del parcheggio sotterraneo, c'è una colonnina di ricarica per le batterie. La carica delle nostre batterie è stata più che sufficiente per fare l'intero giro, mio marito e mio figlio sono rientrati a casa (a  Lo Verdzè  località Nozon Torgnon) in bicicletta, io che non amo le discese a forte velocità, ho caricato volentieri il mio cavallo d'acciaio sull'auto da riportare alla base.

https://goo.gl/maps/y7qU6q7PwbGPMjn7A
Bike station a la Magdleine



Commenti

  1. Ciao domani andiamo a sono contenta che vi sia piaciuta la traccia denominata alta via per Chamois. Come noleggio ebike la Magdeleine e ci teniamo a dare un servizio a 360°. Quindi per noi è un feedback prezioso quello che ci avete lasciato. Vi aspettiamo per noleggiare delle bici e scoprire nuovi giri

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao, in effetti il giro ci è piaciuto parecchio grazie per averlo condiviso. Spero che la descrizione sia corretta. Speriamo di tornare a scoprire nuovi percorsi.

      Elimina
  2. Se volete la prossima volta facciamo quattro chiacchere e vi possiamo consigliare altri trail spettacolari

    RispondiElimina

Posta un commento

vuoi ricevere una mail se qualcuno risponde al tuo commento?